Our Blog

Retargeting e Remarketing sono due termini che nel web marketing vengono spesso utilizzati come sinonimi. Sebbene il significato, o meglio il fine, possa sembrare lo stesso, il loro utilizzo dipende da strategie differenti.

In questo articolo vogliamo fare chiarezza e definire quali sono le uguaglianze ma anche le sostanziali differenze tra Retargeting e il Remarketing.

Marketing efficace con retargeting e remarketing-OnOff-Communication

Marketing efficace con le tecniche di retargeting e remarketing

Il Remarketing e Retargeting sono due strumenti molto utili perchè, rispetto alla pubblicità generica, si basano su utenti che hanno già dimostrato un interesse per il prodotto o servizio e per questo motivo hanno la capacità di portare molto più spesso gli utenti a compiere l’azione desiderata.

Il Retargeting e Remarketing hanno infatti come obiettivo quello di raggiungere gli utenti che sono già entrati in contatto con l’azienda, prodotto o servizio, hanno visitato e magari compiuto delle azioni in specifiche aree del sito web o app.

Il fine ultimo di queste due strategie è quello di migliorare la relazione con l’effettivo o potenziale cliente, comprendere i suoi interessi o il perchè non ha compiuto l’azione che gli è stata proposta. In un secondo momento l’utente potrà essere incentivato all’azione con diversi mezzi: ad esempio tramite specifici annunci su altri siti, attraverso la ricerca su Google di termini correlati al tuo prodotto, o nei social network.

Retargeting e Remarketing: spieghiamo le differenze

Arrivati a questo punto è importante spiegare il significato di Retargeting e Remarketing, di come queste due azioni siano distinte e allo stesso tempo si fondano.

Parliamo di Retargeting nel momenti cui sollecitiamo un utente a compiere un’azione da noi desiderata: utente che non è nostro cliente, in quanto non ha compiuto effettivamente un acquisto, ma che come abbiamo spiegato in precedenza, ha dimostrato un interesse per i nostri prodotti o servizi visitando il nostro sito. In questa fase vengono selezionati ed analizzati i dati che riguardano le azioni concrete effettuate dall’utente: per esempio quante persone hanno visitato il sito, quante l’area shop o quante invece hanno aggiunto un prodotto al carrello.

 Retargeting e Remarketing- azioni e interessi-OnOff-Communication

Nel momento in cui l’utente compie un’azione come l’acquisto si entra direttamente in contatto con il cliente che mostra un’identità, un volto. Le strategie di marketing legate ai clienti che hanno già effettuato un acquisto sono diverse e tengono in considerazione la persona con i relativi specifici interessi. In questo caso allora si potrà parlare di Remarketing. Azioni di Remarketing sono ad esempio invitare un utente ed acquistare ancora dal proprio sito suggerendo articoli e prodotti differenti (attività definita di up-selling o cross-selling), tenendo però in considerazione le preferenze espresse dal cliente durante la navigazione o l’acquisto.

Come possiamo raccogliere queste informazioni?

Le attività di Remarketing e Retargeting possono essere eseguite con attività di advertising mirate tramite piattaforme come Google AdWords o Facebook Ads. Per raccogliere questi dati è necessario che venga inserito un codice nella vostra pagina web (il codice di monitoraggio di Google Analytics e il Pixel di monitoraggio di Facebook) che rimandi un cookie agli utenti che stanno navigando nel vostro sito. Questo permetterà di seguirli nelle loro ricerche e attraverso l’analisi specifica di questi dati sarà possibile realizzare una strategia di marketing efficace per raggiungere l’utente interessato.

Google Analytics e Pixel Facebook-OnOff-Communication

Se vuoi capire come sfruttare al meglio le prestazioni del tuo sito, come creare un elevata esperienza d’acquisto per il tuo cliente e come arrivare a chi è ancora indeciso, contatta la nostra agenzia di comunicazione e web marketing!