Category: SEM & Adwords

Esclusività e spontaneità dei contenuti, per avvicinarti ai tuoi utenti e dialogare con loro: Snapchat rivoluziona il rapporto brand-utente.

Snapchat è una piattaforma in continua evoluzione ed espansione in Italia, di cui non sono ancora state scoperte tutte le potenzialità. Pionieristico è l’utilizzo di questa app da parte di brand e aziende, ma che, se sfruttato nel migliore dei modi, può portare ad un enorme vantaggio nei confronti dei competitors. In questo articolo cercheremo di vedere insieme come utilizzare strategicamente Snapchat per brand e aziende.

 more

Black Friday: la tradizione dello shopping pre-natalizio che arriva dagli USA

Il Black Friday come il Cyber Monday è una tradizione che deriva dagli Stati Uniti. Questi eventi sono associati nella nostra mente ad un’immagine di file lunghissime di persone fuori dai centri commerciali e dai negozi, alle lotte scatenate per accaparrarsi l’ultimo pezzo griffato ad un prezzo super scontato. more

Giovedì 21 Luglio abbiamo partecipato al #gDRefresh, il Google Day organizzato dal network di Work Wide Women​ insieme a Google Italy. Vi raccontiamo come è andata!

 more

Dal blog di Google l’annuncio ufficiale: arriva il Native Advertising su Adwords per tutti gli inserzionisti. Dopo due anni di test, da oggi Google mette a disposizione  il native advertising su Gmail, acquistabile direttamente tramite la piattaforma AdWords.

 more

Era stato annunciato a giugno di quest’anno, ora è diventato ufficiale: Google Adwords ha modificato di nuovo l’AD Rank degli annunci su Adwords in un’ottica di costante miglioramento per rendere gli annunci più pertinenti alle intenzioni e al contesto di ricerca degli utenti. more

Per chi si occupa di Campagne AdWords e PayPerClick, ormai ci ha fatto il callo: le novità annunciate da Google sono sempre dietro l’angolo pronte a stravolgere le nostre strategie di set-up della campagna di search engine marketing.

Google Enhanced Campaign

Google Enhanced Campaign

Google, attraverso il blog ufficiale di AdWords, ha da poco annunciato le nuove Google Enhanced Campaigns ovvero la nuova modalità di utilizzo degli account AdWords per la personalizzazione delle campagne pubblicitarie. Secondo SearchEngineLand, tra i primi siti a commentare la notizia, questa nuova introduzione è una delle maggiori evoluzioni di Adwords dalla sua nascita. 

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=yV9rzYo4Jrk?feature=player_embedded&w=640&h=360]

Non allarmiamoci però per il momento: abbiamo (ahinoi) tempo per studiare tutte le nuove impostazioni (ecco il link della nuova guida) dato che le Google AdWords Enhanced Campaigns saranno attive da Giugno 2013.

Ma vediamo nel dettaglio una panoramica delle principali novità introdotte da Google:

Google Enhanced Campaigns

Google Enhanced Campaigns

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=8TdDYHtnSTI?rel=0&w=560&h=315]

– Powerful bidding: potente strumento di offerta per il multi-device

Gli utenti sono sempre più avanzati ed esigenti verso il web: vogliono che  i risultati della ricerca proposti siano rilevanti per il contesto in cui si trovano, adatti per il dispositivo che stanno utilizzando, per il luogo in cui si trovano e l’ora del giorno in cui effettuano la ricerca. Questo nuovo tipo di servizio di Adwords aiuta a gestire meglio le campagne e il budget in un ottica di ottimizzazione multidevice. Con regolazioni di offerta, infatti sarà possibile gestire le offerte per i gli annunci su dispositivi (tablet, desktop o mobile), per i luoghi e l’ora del giorno tutto da una singola campagna senza dover necessariamente creare singole campagne ad hoc per ciascun tipo di targettizzazione.

Powerful Bidding

Powerful Bidding

Facciamo un esempio: Un bar che offre colazioni vuole raggiungere le persone che sono vicine al suo locale e che stanno cercando “caffè” o “colazione” attraverso il loro smartphone. Con le nuove regolazioni di offerta,si può impostare un’offerta superiore del 25% per le persone che si trovano ad un km di distanza dal nostro punto vendita, il 20% in meno per le ricerche dopo le 11, e il 50% in più per le ricerche su smartphone. Questi aggiustamenti di offerta possono essere applicati a tutti gli annunci e tutte le parole chiave in una singola campagna.

Smarter Ads: annunci ottimizzati per i diversi contesti in cui si trova l’ utente

Persone che stanno viaggiando/spostando o che sono vicino ad un punto vendita sono  interessanti a trovare informazioni su cose diverse da quelle che effettuano la ricerca dalla propria scrivania. Con le nuove campagne avanzate, si potranno visualizzare annunci ottimizzati per i diversi dispositivi con il testo dell’annuncio a destra, sitelink, applicazione o estensione, senza dover modificare ogni campagna per ogni possibile combinazione di dispositivi, luogo e ora del giorno.

Smarter Ads

Smarter Ads

Advanced Reporting: Relazioni avanzate per misurare i nuovi tipi di conversione

La tecnologia e l’uso dei diversi devices sta consentendo alle persone di agire sugli annunci in modo nuovo. I potenziali clienti possono visualizzare l’ annuncio e scaricare un’applicazione, oppure possono chiamare direttamente il negozio/locale/azienda. E’ risultato sempre difficile e complicato però per il marketing misurare in modo semplice tali azioni (sopratutto quantificare le chiamate vocali) e confrontarle tra di loro. Per aiutare gli analisti e il reparto marketing a misurare il vero ROI delle campagne attive, le Google Adwords Enhanced Campaign  permettono di registare facilmente le chiamate o download dell’app come conversioni nei rapporti AdWords.

New Reports

Advacend Reporting

Sarà così possibile considerare le telefonate della durata di 60 secondi o più che arrivano attraverso un annuncio sponsorizzato con il click-to-call come una conversione nei rapporti AdWords, e confrontarle con altre conversioni, come l’iscrizione ad una newsletter, una richiesta preventivo, un carrello chiuso o il download  di un app e confrontare il peso di ciascuna conversione.

Ovviamente in casa Google non hanno sottovaluto il peso della diffusione dei tablet e degli smartphone nelle ricerche online studiando quindi un servizio di ottimizzazione della campagne molto più semplice e user friendly per chi gestisce la propria pubblicità online.

Non ci resta che prepararci alle nuove impostazioni e una volta testate scoprire se sarà davvero la rivoluzione di Google Adwords! 😉

Google AdWords è la piattaforma di Google che permette di creare annunci testuali, illustrati e video sulle pagine dei risultati di ricerca e sui siti partner della rete di Google aiutando così le imprese ad ottenere in tempi rapidi e con risultati misurabili un aumento della propria visibilità online.

AdWords, negli utlimi anni è diventato uno strumento molto diffuso tra le imprese ma spesso si confonde e si sottovaluta l’importanza di una buona pianificazione di una campagna online: molti credono infatti che inserendo poche keyword e un annuncio sia sufficiente per una buona riuscita.

In realtà il colosso del PayPerClick nasconde un complesso mondo fatto di AD RankQuality Score e SERP. L’infografica di Pulpmedia ci riassume in maniera chiara alcuni dei principi cardini di questo potentissimo  strumento di web marketing.

How does Google AdWords work? - infographic

 

E se avete ancora qualche dubbio o vorreste imparare a conoscere meglio lo strumento, OnOff Communication organizza corsi di Google Adwords per professionisti e non che vi aiuteranno a comprendere meglio l’utilizzo di tale strumento.

 

Uno degli obiettivi principali di una campagna di comunicazione online, è quello di attrarre il maggior numero di visitatori/utenti in una Landing Page  del proprio sito internet affinchè l’utente possa completare quello che nel linguaggio del Marketing digitale viene detto conversione. Dopo aver pianificato la Campagna infatti, la Landing Page risulta fondamentale e strategica: è qui che il nostro nuovo potenziale cliente decide se “darci fiducia” o meno, se credere in noi completando l’azione obiettivo: registrarsi ad una newsletter, contattarci per un preventivo o acquistare un prodotto.

Ecco perciò alcuni suggerimenti che noi di OnOff abbiamo pensato per voi:

1) La formula per l’opt-in: create un box o form di compilazione facile e veloce per il vostro utente. Richiedete pochi campi per una registrazione facile, intuitiva e veloce (nome, cognome, mail) e posizionatela in un punto in alto della pagina al fine di rendere il più semplice possibile per i vostri visitatori del sito web dire “sì” alla vostra offerta. I tassi di conversione aumentano se i visitatori non devono scorrere troppo la pagina per completare il modulo.

Opt - In

2) Le opzioni di scelta: fate in modo che nella pagina di destinazione ci sia un unica opzione tra cui scegliere per i vostri visitatori e non distraete il vostro utente: ciò significa che è necessario rimuovere qualsiasi link esterno alla navigazione dalla pagina di destinazione. Scegliete piuttosto più landing page diverse se offrite prodotti diversi, ciascuna dedicata ad un prodotto o ad un settore. Se infatti il vostro utente è arrivato fin qui perchè sta cercando un bel paio di scarpe con il tacco, difficilmente avrà voglia di cercare il prodotto tra le pantofole o le scarpe da ginnastica! Inoltre non caricate le pagine di troppi prodotti o servizi: come diceva Barry Schwartz in The Paradox of Choice infatti la troppa scelta non crea libertà ma paralisi.

Cosa scelgo?

3) Mostra i benefici. È necessario per invogliare i visitatori a optare per il nostro prodotto o servizi, aggiungere un testo che spieghi e sottolinei i benefici di richiedere il vostro materiale, foto del vostro prodotto e recensioni di persone che l’hanno già testato. Usare informazioni dettagliate, certificate, chiare, precise e soprattuto vere spingerà i vostri utenti a completare la conversione!

Coca Cola - Pubblicità anni 50

4) Creare un senso di urgenza: Date ai vostri utenti un motivo valido per cui essi devono richiedere i servizi/prodotti ora. Ad esempio, si può sottolineare che sono disponibili delle offerte o sconti per un periodo limitato. Fare uso di titoli, sottotitoli, testo in grassetto, elenchi puntati ma soprattutto una grafica accattivante e colori vivi per attirare l’attenzione del lettore verso il vostro invito all’azione.

Offerta Speciale

6) Il Test A/B: testare le proprie landing page è importante per determinare quale versione con il giusto mix di grafica e contenuto dia i migliori risultati. Per esempio si può provare a eseguire un test A/B in cui si creano due versioni della stessa pagina di destinazione e dividere il traffico tra le due pagine. Utilizzate due versioni diverse con con titoli, inviti all’azione ed altri elementi doversi finché non si registra quale delle due pagine testate riporta il più alto tasso di conversione.

A/B Testing

Quali tecniche avete adottato per le vostre landing page? Quali tecniche utilizzate per rendere le pagine di destinazione più efficaci?

Curiosando online abbiamo trovato una miriade di articoli e suggerimenti sulle tecniche più avanzate per una buona Campagna Adwords. A noi di OnOff però piacciono le cose semplici e chiare, e perciò abbiamo deciso di stilare cinque regole fondamentali da seguire per  realizzare una Campagna Adwords di successo.

Prima regola: L’ Obiettivo 

Qual è il nostro obiettivo?

Stabilire gli obiettivi è il primo fondamentale passo per la vostra campagna. Senza obiettivi chiari e misurabili, infatti  non otterrete i risultati sperati. Prima di partire con Adwords perciò prendetevi tutto il tempo per pensare a ciò che si vuole realizzare e dove volete arrivare. Volete aumentare le vendite dei vostri prodotti, generare contatti al vostro sito, incrementare gli iscritti alla vostra newsletter, o aumentare la brand awareness? Bene, una volta capito questo siamo già a buon punto!

Seconda Regola: Le Keywords

Quali Parole Chiave usare?

Molto è stato scritto e detto sulla ricerca delle parole chiave. Eppure i nuovi inserzionisti ancora scivolano su questo passaggio. E’ necessario conoscere i tipi di corrispondenza delle parole chiave che sceglieremo di utilizzare e come queste influenzeranno la pubblicazione degli annunci: con la corrispondenza generica, rischieremo di avere troppe visualizzazioni non qualificate penalizzando  il CTR della Campagna, al contrario la corrispondenza esatta potrebbe essere troppo selettiva e non “far girare” i nostri annunci in maniera adeguata. Attenzione inoltre a selezionare alcune importanti parole chiave a corrispondenza inversa che dovremmo inserire in modo tale che queste parole non attivino i nostri annunci: per esempio se vediamo solo le rose rosse, mettiamo le parole giallo e blu a corrispondenza inversa. E’ importante tutto questo in modo tale da poter ottimizzare il nostro budget investito e massimizzare il ROI.
Terza Regola: La Call To Action

Call To Action

Gli annunci per essere veramente efficaci e performanti devono essere accattivanti e contenere la call to action, ovvero un invito chiaro e perentorio all’azione ai nostri utenti. Parole e frasi come “Acquista ora!”, “Contattaci!”, “Chiama adesso”, “Richiedi il tuo preventivo” rendono il nostro annunci interessante e spingono l’utente all’azione.

Quarta Regola: La Landing Page

Landing Page

Altra regola fondamentale della nostra Campagna è inviare il vostro traffico ad una pagina che abbia un senso per l’utente , una pagina in cui si può compiere l’azione desiderata, attraverso pochi click e con poche distrazioni. La pagina di destinazione deve essere pertinente con gli annunci, chiara, semplice e contenere gli elementi perchè l’utente possa acquistare il prodotto o richiedere informazioni. Come si nota dalla figura infatti è nella landing page che l’utente completa la sua conversione: siamo quasi arrivati al passaggio finale  perchè perdere ora i nostri potenziali clienti ?

Quinta Regola: Monitoraggio

Codice Adwords

Tutti i passaggi finora elencati risultano inutili senza il monitoraggio delle conversioni. Assicuratevi di avere il monitoraggio delle conversioni attivo: come prima cosa infatti, inserite lo script di monitoraggio che vi genererà adwords nella Thank You Page dei vostri annunci e fate una conversione di prova. Non fatevi prendere dal panico se non vedete subito il dato monitorato nel pannello, Adwords infatti si aggiorna con uno scarto di mezz’ora/un’ora. Una volta poi impostata tutta la campagna, monitorate costantemente i vostri progressi facendo continuamente degli interventi mirati al miglioramento dei vostri obiettivi e massimizzando il ROI della vostra Campagna!

Ci siamo dimenticati qualcosa?